REVAMPING EDILE DEL “FABBRICATO ARTISTICO”, VINCOLATO AI SENSI DELLA D.LGS. 42/2004, PER L’ISTITUTO POLIGRAFICO E ZECCA DELLO STATO ITALIANO

Fabbricato "Artistico"

LUOGO Verrès (AO)

SETTORE Impianti | Strutture | Sicurezza

1/1
1/1

L’intervento in oggetto ha previsto il revamping edile di un edificio sottoposto a tutela ai sensi del D.Lgs. 22/01/2004, n. 42, denominato “Fabbricato ART” e ubicato nello Stabilimento industriale dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato Italiano in Verrès (AO).

L’immobile è stato restaurato, adeguato, convertito e dotato  di un soppalco interno per necessità produttive.

Il principale obiettivo della progettazione è stato il recupero della coerenza delle caratteristiche e dei principi fondativi storici dell’edificio e delle originarie qualità decorativo architettoniche, ovvero dello stile industriale degli anni ‘30, pertanto gli interventi sono stati studiati in modo da non alterare e meglio conservare, tali aspetti architettonici. Particolare attenzione è stata posta alle facciate, cercando, mediante una ricerca di archivio e di raccolta della documentazione disponibile, di ripristinare lo status originale. Ad esempio, per mantenere in essere le ampie finestrature, si è previsto un sistema di sicurezza che ha permesso di mantenere gli infissi originali e di garantire l'incolumità dei lavoratori: è stata progettata la posa di lastre in vetro certificate sull’intera finestra, lato interno, installate mediante sistemi di supporto tipo “ragno”. In questo modo non è stata alterata la visibilità, non è stata compromessa l’illuminazione naturale ed è stato mantenuto il serramento e il sistema di finestratura esistente (aspetto molto a cuore della Soprintendenza)

Come detto, l'incarico, oltre a prevedere il restauro del fabbricato, ha anche previsto la realizzazione di un soppalco interno. Per tale progettazione si è operato secondo due strategie. La prima consiste nella scelta di materiali (ferro e vetro) tale da mantenere la "continuità" con le strutture esistenti; la seconda, volta a garantire la "lettura delle strutture preesistenti". A tale scopo, il soppalco è stato progettato in modo da non sovrapporsi agli elementi di tamponatura lungo i lati perimetrali confinanti con la muratura portante del fabbricato.

In conclusione, le nuove strutture si “ricongiungono” visivamente con gli elementi strutturali ed edili esistenti nel Fabbricato.

1/1
1/1
1/1